Contributi alla formazione FSE 2014/2020

Ossia come formare il personale gratis.

Oggi inizio raccontandovi una storia…
Tanto tempo fa, in un paese lontano lontano, un ragazzo appena diplomato (o laureato) entrava, con il suo bel bagaglio di competenze acquisite durante il percorso di studi, nel mondo del lavoro facendosi bastare quelle quattro competenze acquisite per i successivi quarant’anni…
Questa storia ormai fa parte del passato. Al giorno d’oggi, in un mondo che è passato in pochi decenni dall’invenzione del televisore alle nano tecnologie, per essere competitivi  bisogna aggiornarsi con costanza.
Il mantra di ogni imprenditore dovrebbe quindi essere:
Piú impari, meno temi. (Julian Barnes)

Formarsi costantemente, fare nuove esperienze e immagazzinare competenze permettono alla propria azienda di essere sempre all’avanguardia.

E voi adesso mi direte: “Brava. Bell’idea. Ma me li dai tu i soldi per pagare i corsi?”

Io no, ma il Fondo Sociale Europeo sì! Io al massimo posso spiegarvi come sfruttare al meglio l’occasione.

Negli ultimi anni, proprio grazie a questi contributi, con l’azienda per la quale lavoro abbiamo organizzato un intenso calendario formativo che ci è stato interamente finanziato dal Fondo Sociale Europeo (dalla “gestione del cliente”, al “nuovo codice degli appalti” fino ad arrivare alla “vendita dei servizi nell’era digital” e alla “gestione dei gruppi di lavoro”, solo per farvi qualche esempio).

Ogni azienda può appoggiarsi ad un ente formativo accreditato (qui in Valle d’Aosta ce ne sono diversi) e farsi aiutare ad organizzare i corsi più adatti alle proprie esigenze.

La formazione può essere di qualsiasi tipo: dalle competenze trasversali utili in ambito lavorativo, le cosidette SOFT SKILLS (volete migliorare la vostra leadership? oppure avete come obiettivo quello di aumentare la produttività del vostro gruppo di lavoro?) fino a competenze tecniche, HARD SKILLS (avete bisogno di imparare ad utilizzare un software? è entrata in vigore una nuova normativa di settore di cui volete approfondire la conoscenza?).

E’ possibile presentare sia progetti formativi aziendali (organizzati solo per la vostra azienda) sia interaziendali (nel caso in cui vogliate organizzare un evento formativo insieme ad altre aziende interessate allo stesso progetto).

Tenete conto che per farsi finanziare un corso aziendale i partecipanti devono essere almeno 2. Invece per quelli interaziendali basta un solo partecipante; i corsisti devono obbligatoriamente essere o dipendenti oppure titolari dell’azienda (no stagisti, tirocinanti, praticanti o altro)

Altra informazione importante: i corsi dovranno essere di almeno 16 ore fino ad un massimo di 200. Quindi è possibile ottenere un contributo per percorsi formativi anche molto importanti.

Fate una bella analisi delle vostre esigenze di formazione, chiedete anche ai vostri dipendenti o collaboratori. Spesso hanno necessità formative molto precise ma non hanno l’audacia di chiedervelo.

Oppure potete lasciarvi ispirare da quelli che, sempre in ambito FSE 2014/2020, hanno a calendario molti enti formativi.

In concreto: cosa devo fare per attivare un corso interamente finanziato dal programma FSE 2014/2020?

  1. Capire quali sono le vostre esigenze formative;
  2. Una volta individuato l’ambito (esempi: ho bisogno di seguire un corso di autocad avanzato; voglio formarmi sul social media marketing; voglio imparare una tecnica particolare di saldatura; ho bisogno di fare un corso di allestimento vetrine; vorrei avere competenze in merito al recupero crediti….) contattare un ente formativo che vi aiuterà a redigere il progetto da presentare al FSE e ad espletare la parte burocratica. Se avete già un fornitore che possa erogarvi la formazione potete contattare direttamente lui per avere un preventivo e un programma dettagliato del corso; oppure potete chiedere all’ente formativo se vi può assistere anche nella parte relativa alla ricerca del docente (l’ente formativo col quale mi confronto abitualmente io è sempre molto disponibile ad aiutare i clienti);
  3. Compilare e firmare digitalmente i documenti che vi verranno dati dall’ente formativo, il quale presenterà il progetto a vostro nome;
  4. Aspettare l’approvazione del progetto;
  5. Una volta approvato il progetto avrete tempo un mese per organizzare la prima lezione. Il corso dovrà concludersi entro un anno dalla data di inizio.

L’ente formativo per la presentazione dei progetti ha delle scadenze molto precise. Quindi informatevi sempre sulla prima data disponibile (attualmente le più vicine sono 31 maggio e 31 luglio 2018).

Spero di esservi stata utile e ricordatevi sempre che per andare avanti ed essere competitivi bisogna essere in primis innovativi e per esserlo la formazione è alla base di tutto.
Fatemi sapere che corsi siete riusciti ad organizzare 😉